Mutui immobiliari tra disagio abitativo e spese troppo alte per la casa

Il punto sui mutui immobiliari tra il disagio abitativo e spese troppo alte per la casa. La soluzione dal social housing tra edilizia residenziale pubblica e case ai prezzi di mercato magari sottoscrivendo un mutuo. Il Rapporto di MonitorImmobiliare sul bene casa dopo la lunga crisi.

Sebbene in Italia quasi sette famiglie su dieci vivano in una casa di proprietà, è elevata nel nostro Paese la percezione del disagio abitativo sotto tanti, troppi punti di vista specie in questi ultimi anni dopo la lunga crisi. Non a caso, in accordo con quanto riportato da MonitorImmobiliare, in Italia circa il 10% delle famiglie manifesta persistenti difficoltà non solo per il pagamento delle rate del mutuo, o del canone di affitto, ma anche per saldare le utenze, dalla luce al gas e passando per il telefono.

Mutui immobiliari e disagio abitativo

Spese per la casa troppo alte per quasi sei italiani su dieci 

In più, oltre il 20% delle famiglie italiane vive in case che non sono riscaldate in maniera adeguata oppure che presentano delle strutture danneggiate. Così come quasi sei famiglie italiane su dieci ritengono elevato il carico della casa, ovverosia l'ammontare complessivo delle spese da sostenere annualmente per la propria abitazione. Basti pensare, sembra in base a quanto riporta MonitorImmobiliare, che in meno di dieci anni il carico delle spese sulla casa, sul totale dei costi sostenuti dalle famiglie, è aumentato di quasi il 7%.

Social housing tra edilizia residenziale pubblica e case ai prezzi di mercato 

La condizione di disagio abitativo in Italia riguarda tante famiglie che da un lato non hanno un reddito così basso da poter accedere al mercato dell'Erp, quello dell'edilizia residenziale pubblica, ma dall'altro non hanno la capacità di risparmio tale da poter comprare casa ai prezzi di mercato magari sottoscrivendo un mutuo. Per queste famiglie, secondo MonitorImmobiliare, uno degli strumenti di sostegno, e quindi di riduzione del disagio abitativo, potrebbe essere rappresentato dal social housing.

Mercato immobiliare italiano e questione abitativa 

La questione abitativa, di conseguenza, incide in Italia negativamente pure sul mercato immobiliare in quanto in termini di prezzo le dinamiche di incontro tra la domanda e l'offerta di case vanno tra l'altro ad incidere anche sugli assetti urbani. Basti pensare a tutte quelle famiglie che dal centro città si spostano in periferia sia per sfruttare i prezzi più bassi di compravendita, ma anche per i canoni di locazione considerando che il mercato degli affitti in Italia manifesta delle condizioni di scarsa liquidità.

Mercato immobiliare residenziale da ripensare in Italia 

Di conseguenza, dal Rapporto emerge la necessità di ripensare nel nostro Paese il mercato immobiliare, per quel che riguarda l'offerta nel segmento residenziale, includendo pure tutta quella fascia di popolazione esclusa in quanto versa in condizione di disagio abitativo. E per fare questo occorre un vero e proprio cambio di paradigma che metta al centro il ruolo ed il valore funzionale del bene casa introducendo nuove soluzioni accessibili ad un ampio spettro di potenziali destinatari senza andare ad incidere significativamente su quelle che sono nel nostro Paese le esigenze della finanza pubblica. E da questo punto di vista, come sopra accennato, il social housing si presenta per l'offerta abitativa residenziale come un'ottima formula ed una buona soluzione.

Chiaramente se in Italia si è arrivati a questa situazione c'è da dire che la crisi economica e finanziaria negli ultimi anni ha avuto il suo peso in quanto ha generato un forte impatto negativo sul reddito disponibile di centinaia di migliaia di famiglie che, per disponibilità economiche, ora si trovano tagliate fuori non solo dall'immobiliare ai prezzi di mercato, per quel che riguarda la possibilità di comprare casa, ma anche dal mercato libero degli affitti specie nei grandi centri urbani.  

Articolo letto 354 volte

Filadelfo Scamporrino

La Guida - articoli principali

(Clicca sulla freccia per espandere più articoli)