Mutui per gli iscritti al registro dei cattivi pagatori, quale iter è possibile seguire?

I cattivi pagatori, possono seguire un iter più specifico per la richiesta di un mutuo ad una banca come la cancellazione dal registro del Crif o la presentazione di garanzie più solide.

Esistono delle particolari categorie come i cattivi pagatori, che devono seguire un iter più preciso per la richiesta di un nuovo finanziamento sulla casa come la cancellazione dal registro del Crif o di presentazione di garanzie più solide. Non è più possibile, infatti, richiedere dei mutui con dei tassi più alti, così come ogni banca adotta un proprio regolamento sulle modalità di ammissione di un ex cattivo pagatore su un mutuo.

Prime differenze tra protestati e cattivi pagatori e di come poter richiedere un nuovo mutuo ad una banca

I cattivi pagatori, sono quei soggetti che in passato non hanno provveduto al pagamento di una parte del finanziamento e che sono iscritti in un registro specifico come quello del Crif dopo una segnalazione al riguardo. Tendono a differenziarsi, tuttavia, da una categoria più specifica come i protestati (per i quali l'accesso ad un nuovo finanziamento come il mutuo è più difficile) per avanzare una richiesta di mutuo ad una banca. Per i protestati, infatti, l'unica via per ottenere un finanziamento sulla casa, è di richiedere una cancellazione dal registro apposito.

Quale iter per i mutui dei cattivi pagatori?

Per i cattivi pagatori, invece, l'iter è meno complesso e prevede di adempiere al totale pagamento delle rate non ancora pagate nel precedente finanziamento prima di poter richiedere un mutuo ad una banca o di procedere alla cancellazione dal registro Crif, nel caso in cui le rate pagate non siano molte e le tempistiche per tale cancellazione siano basse. E' prassi comune di molte banche, anche di accettare dei mutui nei confronti di tali categorie, laddove il numero di rate del precedente finanziamento pagate in ritardo sia molto basso o di concedere a tali categorie dei mutui ipotecari, ossia di mutui che come garanzia obbligatoria comportano di accettare una ipoteca sulla casa nel caso di non pagamento del finanziamento alla banca.

 Iter da seguire per i mutui dei cattivi pagatori e sul come presentare una nuova richiesta di finanziamento alla banca

 L'iter che è possibile seguire sui mutui per gli iscritti al registro dei cattivi pagatori, prevede quindi diverse strade tra cui:

  • Quella di provvedere al pagamento di tutte le rate su cui vi è un ritardo e solo al termine di tale fase richiedere un nuovo mutuo ad una banca.
  • Richiedere il regolamento applicato da una banca e se vi è la possibilità di poter accedere ad un nuovo mutuo anche se appartenenti alla categoria di cattivi pagatori.
  • Disporre di un maggiore capitale per finanziare l'acquisto della casa, poichè in genere la banca non copre tutta la cifra e riconosce una percentuale di copertura più bassa rispetto ad un classico finanziamento sulla casa verso altri soggetti.
  • Dotarsi di garanzie più solide che attestino una maggiore solidità finanziaria da parte dell'ex cattivo pagatore nell'adempiere al pagamento delle rate sul nuovo mutuo.

E' da considerare, inoltre, che rispetto al passato, non sono più applicati dei tassi di interesse maggiori su un nuovo mutuo per tali categorie o di prodotti specifici e che ogni banca può prevedere delle diverse politiche al riguardo (come la richiesta di maggiori garanzie o di copertura minore del finanziamento). Il cattivo pagatore iscritto al registro del Crif, può optare anche per una ulteriore alternativa per la richiesta di un mutuo ad una banca e per ricevere delle condizioni diverse da quelle appena citate. Sulla base del numero di rate non pagate in un precedente finanziamento, infatti, è possibile richiedere la cancellazione dal registro del Crif (in genere tale tempo può variare dai 12 ai 36 mesi) e presentare una nuova richiesta alla banca, in modo da accedere ad un iter più semplice per la presentazione e l'approvazione del nuovo finanziamento sulla casa.

Tabella sull'iter da seguire per richiedere dei nuovi mutui nel caso di cattivi pagatori

 

Iter prima di richiedere un mutuo per cattivi pagatori

Iter successivo per presentare domanda di mutuo per cattivi pagatori

Prima fase Provvedere al pagamento di tutte le rate non pagate del precedente finanziamento. Presentare la domanda e munirsi di garanzie più solide per l'accesso al mutuo e per attestare una maggiore solidità finanziaria.
Seconda fase Richiedere la cancellazione dal registro del Crif. Attendere i tempi di cancellazione dal Crif e presentare una nuova domanda di mutuo alla banca,
Terza fase Richiedere il regolamento applicata dalle banche in tali casistiche. Presentare la domanda e verificare le condizioni applicate dalla banca su garanzie da presentare (ad esempio ipoteca) o sulla copertura massima del finanziamento.

Articolo letto 1.609 volte

Iolanda Piccirillo

Mutui A Cattivi Pagatori E Protestati - articoli principali

(Clicca sulla freccia per espandere più articoli)