Mutui per completamento costruzioni, quando è possibile richiederli?

Ottima soluzione per completare le costruzioni del proprio immobile, è rappresentato dall'omonimo mutuo. Condizioni agevolate, infatti, soprattutto per lavori sulla prima casa.

Uno specifico finanziamento da poter richiedere ad una banca per completare i lavori di costruzione in un immobile di proprietà, sono rappresentati dai mutui per completamento costruzione e con vantaggi anche rispetto ad agevolazioni fiscali da poter ottenere nel caso in cui si tratti di prima casa. Inoltre, sarà valutata anche la solidità creditizia del richiedente nel poter adempiere al pagamento delle rate sul mutuo e del rispetto dei termini per la costruzione con scadenze indicate in un apposito contratto di mutuo.

Iter per richiedere un mutuo per completamento costruzioni

E' una categoria molto specifica del mutuo, destinata al completamento dei lavori in un immobile di proprietà e che può dare luogo anche ad agevolazioni fiscali sul pagamento dell'iva dovuta per i lavori da eseguire sulla prima casa e sulla seconda casa. Per richiederli, è necessario seguire un iter molto specifico nel definire lo status dei lavori e dei costi totali per la costruzione, come:

  • Valutazione del valore dell'immobile, ossia di quello stimato appena completati i lavori.
  • Può essere concesso fino all'80% del valore dell'immobile entro la valutazione presunta al termine dei lavori di costruzione.
  • Presenza di preventivi da parte delle imprese che si occuperanno della costruzione dell'immobile e su cui potrà essere definito il totale del mutuo da erogare.
  • Distribuzione del capitale da parte della banca in base all'avanzamento dei lavori di costruzione nell'immobile su cui sarà attivato il seguente mutuo.
  • Proprietà dell'immobile su cui sarà attivato il mutuo di costruzione e valutazione positiva anche su una solidità creditizia del richiedente al pagamento delle rate sul finanziamento.
Convengono i mutui per costruzione?

Essendo prevista una distribuzione del capitale in base all'avanzamento dei lavori sull'immobile, è da considerare prioritario l'intervento di un perito nel valutare periodicamente lo stato di costruzione e ottenere nuovi importi. Interventi, che comportano dei costi ulteriori da conteggiare accanto ai costi dei lavori, prima di presentare la domanda finale di finanziamento alla banca. Tuttavia, si tratta di una importante categoria di finanziamento a cui potersi rivolgere, laddove si dispone di un immobile di proprietà e si debbano eseguire dei piccoli lavori di costruzione al suo interno.

Quando poter richiedere un mutuo per completamento costruzioni

Per richiedere questa tipologia di mutuo è quindi fondamentale essere muniti di appositi preventivi da parte delle imprese di costruzione e valutare attentamente tutti i costi previsti al riguardo, compresi quelli dei vari sopralluoghi da parte di un perito. Fermo restando l'applicazione di una Iva agevolata del 4% sui lavori eseguiti su una prima casa, è da rispettare soprattutto il termine dei lavori entro precise scadenze inserite in un apposito contratto di mutuo, onde non perdere i benefici fiscali citati. Aliquota agevolata anche nel caso di seconda casa e pari al 10% sui lavori eseguiti per il completato delle costruzioni su un immobile di proprietà.

Inoltre, è da considerare che laddove l'entità dei lavori da eseguire sia maggiore e comporti un maggiore  capitale da richiedere alla banca, di valutare anche una alternativa rispetto ad una categoria così specifica come i mutui per completamento costruzione, ossia i mutui per ristrutturazione (per interventi di manutenzione ordinaria o straordinaria sull'immobile e una modalità di erogazione del capitale anche con una soluzione unica e non in base al solo stato di avanzamento dei lavori come i mutui per costruzione).

Articolo letto 1.626 volte

Iolanda Piccirillo

La Guida - articoli principali

(Clicca sulla freccia per espandere più articoli)