In cosa consiste l'Euribor e che incidenza può avere in un mutuo?

L'Euribor, è un importante dato utilizzato per il calcolo del costo totale dei finanziamento sui mutui a tassi variabili. E' inoltre sempre aggiornato e facile da reperire per eventuali valutazioni e scelta di tali tassi rispetto a quelli fissi.

L'Euribor, è un importantissimo indicatore finanziario utilizzato come riferimento per definire la percentuale di tassi da applicare su un mutuo. E' quindi, un elemento essenziale da conoscere prima di completare e accettare il contratto di finanziamento sulla casa.

Dall' incidenza sui mutui a tasso variabile agli ultimi valori registrati dall'Euribor

L' Euribor è l'interbank offered rate, ossia il tasso dei depositi interbancari utilizzato tra banche per definire il costo del denaro. Inoltre, può avere un differente orizzonte temporale da uno, tre e sei mesi e prevedere una scelta da parte della banca stessa di applicazione di una base a 360 o 365 giorni, da considerare per il calcolo del mutuo su base annuale.

Quanto incide l'Euribor sui mutui italiani ad oggi?

Tuttavia, ciò che conta conoscere in riferimento all'Euribor, è soprattutto rispetto alla sua incidenza su un mutuo e ai principali fattori che possono influenzare tale tasso. In particolare, sono gli indicatori economici come lo stato di una economia di un paese o prossime decisioni delle Banche Centrali, a contribuire verso variazioni al rialzo o al ribasso del suo valore. Viene da sè, che un contesto economico come quello che si sta delineando a seguito dell'uscita Europea del Regno Unito votata con il referendum Brexit, potrebbe condizionare i prossimi andamenti dell'Euribor e colpire maggiormente i mutui a tasso variabile indicizzati a tale parametro.

Inoltre, l'Euribor viene da una situazione che ha portato negli ultimi sei mesi alla presenza di tassi molto bassi e che hanno reso molto conveniente per i nuovi mutui, di eseguire una maggiore stipula attraverso le suddette condizioni economiche.

Vantaggi dell'applicazione dell'Euribor sui mutui

Aldilà di quelli che sono gli attuali scenari economici, è da considerare anche un vantaggio nell'applicazione dell'Euribor sui mutui, poichè parliamo di un indicatore che viene aggiornato ogni giorno e preso a riferimento soprattutto per il calcolo dei mutui a tasso variabile. Anche le stesse pubblicazioni dei tassi Euribor aggiornati, sono facili da reperire e in genere presenti nei più importanti quotidiani economici o in siti specializzati nel fornire i principali dati economici del settore finanziario, in modo da poter sfruttare a proprio vantaggio delle condizioni più favorevoli sul mercato e un minor costo del mutuo se indicizzato con l'Euribor.

L'incidenza dell'Euribor sui mutui e della scelta di tassi variabili, deve essere controllata già in fase contrattuale e portare ad un confronto circa le condizioni applicate dalla propria banca. Ad esempio, nei mutui a tasso fisso, il costo totale del finanziamento è definito già in fase di stipula del contratto e resta uguale per tutta la durata del finanziamento sulla casa (rispetto al tasso variabile, tuttavia, è in genere più alto). Nei mutui a tasso variabile, invece, deve essere ben noto al cliente il tipo di Euribor applicato (in genere ai 1, 3 o 6 mesi) poichè è su tale parametro che poi saranno applicati dei nuovi aggiornamenti circa il costo della rata sul debito residuo del mutuo. Attenzione, anche ad analisi in diretta sull'andamento dell'Euribor, con confronti su più orizzonti temporali, in modo da capire se potrebbe essere più conveniente passare alla stipula di un mutuo a tasso fisso.

L'attuale situazione dei tassi Euribor e l'importanza di verifica in contratto della clausola floor

Ad oggi, i tassi Euribor presentano dei valori negativi e con riferimento agli ultimi dati di Luglio 2016, presentano percentuali negative di:

  • -0,37% per l'Euribor ad un mese.
  • -0,29% per l'Euribor a tre mesi.
  • - 0,19% per l'Euribor a sei mesi.

Ciò come si traduce a livello contrattuale per il finanziamento sulla casa? Ancora una volta, in una fase di controllo da parte del cliente circa le condizioni applicate dalla propria banca e della presenza di una clausola nota come floor, che prevede l'applicazione di un tasso minimo sul mutuo anche se il tasso variabile raggiunge livelli più bassi di tale soglia. Tuttavia, tale clausola deve essere inserita nel proprio contratto di mutuo al fine di essere valida e avere una maggiore incidenza circa i costi totali del mutuo.

Tabella sull'incidenza dell'Euribor sui mutui e sui tassi variabili

Elementi essenziali da controllare sull'Euribor

Dati più importanti da conoscere sull'Euribor

Orizzonte temporale applicato. I più utilizzati in genere sono ad 1 mese, tre mesi e sei mesi.
La base applicata per il calcolo annuale delle rate. Possono essere utilizzate basi di 365 o di 360.
L'Euribor viene aggiornato ogni giorno lavorativo. I più importanti quotidiani economici riportano i dati ufficiali dell'Euribor.
L'attuale situazione sui mutui italiani, vede un maggiore ricorso anche ai tassi fissi. L'Euribor ad oggi presenta valori negativi.
Attenzione alle condizioni contrattuali applicate sui mutui a tassi variabili per la definizione del costo totale del finanziamento. Se inserita una clausola floor nel contratto, potrebbe esserci una maggiore incidenza sui mutui collegati all'Euribor.

Articolo letto 493 volte

Iolanda Piccirillo

La Guida - articoli principali

(Clicca sulla freccia per espandere più articoli)